Il miele

Diverse sono le proprietà terapeutiche del miele che cambiano a seconda del polline dei fiori che lo generano. Le virtù curative di questo alimento, erano già conosciute nei tempi antichi “Cibo degli Dei” oggi la medicina ufficiale riconosce tra le tante proprietà anche la capacità antibatterica. Fornisce all’organismo calorie prontamente disponibili, è formato principalmente da zuccheri con un alta concentrazione di fruttosio, non subisce manipolazioni ne trattamenti prima di arrivare a noi. Indicato per chi pratica sport per recuperare energie oppure utile al sistema nervoso e per chi svolge attività mentali. L’apicultura è molto diffusa sia in montagna sia in fondovalle.

Il miele viene utilizzato spesso come dolcificante nelle tisane, per la preparazione di dolci, in cucina per arricchire il sapore dei formaggi o altri piatti particolari.

Proprietà medicinali:

·Prime vie respiratorie: il miele esercita un’azione calmante e decongestionante della tosse; una cucchiaiata di miele sciolta in un liquido caldo (non oltre i 40° C) ha una notevole efficacia non solo contro la tosse, ma anche contro stati febbrili e ad affezioni delle prime vie respiratorie.
·Apparato digerente: il miele esercita un’azione protettiva, stimolante e regolatrice; infatti, grazie alla presenza di acido formico, c inibisce le fermentazioni anomale, causa di infezioni febbrili ed epidemiche
·Sistema muscolare: il miele esercita un aumento della potenza fisica e della resistenza, grazie alla presenza di glucosio e fruttosio
·Apparato urinario: il miele coadiuva l’attività diuretica e depurativa, la sua somministrazione facilita l’eliminazione delle sostanze tossiche
·Sistema osseo: il miele può aiutare l’azione fissatrice nelle ossa del calcio e del magnesio forniti dagli altri alimenti della nostra dieta
· Nell’uso esterno come cicatrizzante: il miele ha proprietà cicatrizzanti nei casi di piaghe, ferite e ustioni

Sostituire lo zucchero (saccarosio) con dell’ottimo miele, è sicuramente una scelta sana per un valido aiuto al nostro organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *